gravidanza

Precedente Home Su

    INFORMAZIONI PER PREVENIRE E CURARE LA MALATTIA EMORROIDARIA                                                                                                          IN GRAVIDANZA  ( e non solo)

     La prevenzione  deve essere affidata  in gran parte al  controllo diretto del soggetto interessato e perché questo possa  realizzarsi è necessario per la futura mamma:

       1)         Avere conoscenze anatomiche  anche semplici della regione ano-perianale

2)     Prendere dimestichezza con il proprio perineo così come avviene ad esempio nell’autopalpazione del seno per poter memorizzare un punto di partenza in assenza di sintomi.

3)         Prendere atto che andare incontro a d una malattia emorroidaria complicata in gravidanza non è assolutamente un fatto scontato, ineluttabile e tanto meno fisiologico ma che si può fare moltissimo per prevenirla

4)      Conoscere nelle grandi linee e soprattutto inquadrare bene i segni premonitori e le situazioni nelle quali agendo con tempestività si può arrivare ad una totale remissione oppure ad un quadro patologico più tollerabile.

5)      Concentrarsi da subito su quello che si può fare per evitare una crisi  emorroidaria acuta  consapevoli comunque che anche in casi di fallimento della prevenzione è possibile attuare un protocollo terapeutico efficace che ne riduce  durata e  conseguenze.

6)      Sapere che è stato concordato per le gravide un percorso dedicato per accedere a specialisti del settore pronti ad supportarle durante tutta la gravidanza e,se necessario,anche in sala parto.

      Più che di una vera e propria visione anatomica è necessario acquisire una precisa conoscenza della situazione locale inventariando ogni eventuale patologia pregressa.La naturale congestione pelvica della gravidanza che inevitabilmente coinvolge anche canale anale ,sfinteri e plesso emorroidario può riacutizzare vecchie patologie o manifestarne di nuove.

     Le emorroidi non vanno considerate un accessorio fastidioso ed inutile ma rappresentano un prezioso ammortizzatore idraulico che consente di rendere progressiva ed elastica la fase espulsiva.Negli anni però per fattori ereditari,fisiologici e dietetici possono,sotto la spinta espulsiva,tendere progressivamente a scivolare all’esterno determinando quello che viene definito il prolasso emorroidario. L’epitelio che riveste le emorroidi  non è  fatto per stare all’esterno ed i continui saliscendi e l’impatto con pelle,peli e indumenti alla lunga innescano l’esordio della malattia emorroidaria.

    Il prolasso si manifesta abitualmente al momento della defecazione  e può ridursi spontaneamente                  ( emorroidi di secondo grado) o con l’autoriduzione (emorroidi di terzo grado).

     Il prolasso va sempre e comunque sistematicamente riposizionato all’interno del canale anale, soprattutto in un momento emodinamicamente delicato come quello della gravidanza.Come? Con l’autoriduzione manuale digitale.

       La prima  volta che capita  può essere psicologicamente difficile accettare l’idea di andare a trafficare con l’”uscita segreta”  mentre più naturale sembrerebbe iniziare con pomate e pasticche ma esiste il pericolo di perdere l’attimo fuggente.L’autoriduzione può essere risolutiva solo  se eseguita in tempo reale rispetto al manifestarsi del prolasso e rappresenta l’unico provvedimento serio ed utile per evitare la temibile crisi emorroidaria.Ancora meglio se le colonne emorroidarie vengono massaggiate direttamente non solo per ridurle ma anche per svuotarle e decongestionarle evitando la stasi venosa anticamera della trombosi.

     Anche nei casi di riduzione spontanea è opportuno indugiare nella manovra soprattutto quando sono presenti  sensazione di peso o di tensione maggiore a livello del canale anale , segni predittivi di una congestione  più importante.Il tutto con la consapevolezza che danni non se ne possono mai fare.

      Guanti di lattice, gel lubrificante e bagno caldo sono gli  unici presidi di questa metodica

 E’ opportuno ricordare a tal proposito che in qualunque patologia a livello ano-perianale con l’acqua calda non si sbaglia mai,nemmeno in corso di sanguinamento. L’effetto miorilassante  del caldo sullo sfintere interno è ormai conosciuto e dimostrato,l’acqua fredda e peggio ancora il ghiaccio tendono ad indurre spasmo sfinterico con  effetto “laccio” proprio sui tessuti che vogliamo riposizionare.

     La crisi emorroidaria rappresenta la complicazione principale di una malattia emorroidaria e può manifestarsi lo stesso nonostante tutti i nostri sforzi ,anche se tempestivi, ma va  affrontata con altrettanta determinazione seguendo,dopo una visita specialistica proctologica,un protocollo ormai consolidato:

                      1) applicazioni caldo umide

                     2) autoriduzione digitale (resa praticamente impossibile  nei primi giorni dall’edema e dal dolore ma che va comunque  perseguita nei giorni successivi  con il migliorare del quadro clinico).

                     3) terapia farmacologia basata sui flavonoidi  e la diosmina a dosaggi massimali. (ora impossibile in gravidanza in mancanza di certezze sull’innocuità sul feto)

                     4) terapia dietetica finalizzata ad ottenere un bolo fecale né morbido né duro senza  mai correre il rischio,eccedendo in alcuni presidi, di arrivare ad una diarrea che avrebbe in questa fase un effetto clinicamente devastante (le feci liquide ustionano)

                    5) detersione locale utilizzando con misura sapone di Marsiglia(VEA Marsiglia) ed acqua calda.L’uso eccessivo di saponi in generale può determinale lesioni dermatologiche di difficile gestione    

             6) evitare l’uso di pomate che con i loro eccipienti alla lunga possono determinare sensibilizzazioni locali ed allergie.

 

     L’autoriduzione,che non è possibile almeno nei primi 3/5 gg. di crisi, deve comunque essere tentata sistematicamente fino a quando ridiventa praticabile .Se con pazienza tutte le sere prima di addormentarsi con decisa delicatezza cerchiamo  di ridurre almeno  l’edema, possiamo intanto dimezzare i tempi di guarigione rispetto ad una terapia ad esclusiva componente farmacologica. Inoltre,qualunque crisi emorroidaria guarisce con la fibrosi(cicatrice) che il riassorbimento del focolaio flogistico determina,  se riusciamo a fare avvenire il fenomeno all’interno del canale anale si creano provvidenziali  aderenze  tra muccosa e sottomuccosa che possono limitare se non addirittura bloccare il prolasso.  

 

      Le complicanze emorroidarie, prima durante e dopo il parto, sono  in alcuni casi estremamente dolorose e vengono ricordate  puntualmente e con angoscia in occasione  di una eventuale gravidanza successiva

     Queste semplici note non hanno la pretesa di risolvere i problemi proctologici della gravidanza ma solo di sensibilizzare l’attenzione su di un argomento di grande attualità ed interesse e comunicare la propria totale  disponibilità  ad una più ampia collaborazione con le donne gravide i medici curanti ed  i  loro ginecologi.        

 

L’ambulatorio proctologico della Seconda Chirurgia dell’ospedale di Livorno è da subito a disposizione  tutti i giovedì mattina dalle 8 alle 10 Tel :0586 223466-223494

                                                        

In attesa di un numero  verde come punto di ascolto per le emergenze proctologiche fare riferimento al 339/8393539  che corrisponde al Dr Giuseppe Guarneri responsabile del servizio.      

.Precedente Home Su

Inviare a [bkgwgu@tin.it] un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Copyright © 1999 [GiuseppeGuarneri]. Tutti i diritti riservati.
Aggiornato il: 25-04-05.
ugg ale canada goose suomi moncler sale canada goose takki barbour takki moncler takki timberland suomi canada goose sale parajumpers takit canada goose trillium barbour tikkitakki canada goose ale barbour jacket parajumpers long bear moncler untuvatakki parajumpers takki
cialis 20mg viagra pas cher cialis 20 kamagra gel levitra prix cialis sans ordonnance kamagra gel kamagra oral jelly levitra pas cher kamagra 100mg kamagra oral jelly levitra 20mg
nike store nike skor nike sverige nike air max baratas nike zapatillas nike outlet air max blancas nike factory nike air max blancas nike air max bianche scarpe nike nike air max nere air max bianche nike scarpe nike store cheap nike trainers cheap nike shoes cheap nike air max cheap nike air max 90 nike outlet cheap nike huarache
parajumpers kurtka moncler sale peuterey kurtka damska canada goose warszawa parajumpers outlet canada goose parka canada goose kurtki belstaff kurtka peuterey kurtki damskie barbour polska moncler kurtki parajumpers long bear barbour international peuterey kurtki ugg buty woolrich kurtka woolrich arctic parka belstaff jacket belstaff polska
veste barbour woolrich paris timberland soldes moncler femme barbour homme parajumper homme canada goose chateau parka belstaff soldes parajumpers homme moncler doudoune femme ugg bailey moncler veste barbour veste femme bottes ugg bebe
moncler mujer barbour mujer canada goose madrid barbour outlet timberland madrid botas ugg canada goose outlet moncler hombre moncler rebajas canada goose outlet parajumpers moncler jakke canada goose jakke canada goose jakke